Le Borse Europee possono chiamarsi fuori dall’impatto del Virus? Statistica – 30 gennaio 2020 – ore 10

…direi che nemmeno le Borse del Vecchio Continente si possono….

considerare immuni dall’impatto del Virus

Ricordo che il CoronaVirus rimanda piu’ alla Sars che agli altri casi….SO…BE READY

L’IMPATTO MAGGIORE A 35 GG DI BORSA APERTA (QUINDI 2 MESI CIRCA) DALL’INIZIO DELL’EPIDEMIA 

 

DISCLAIMER PER GLI UTENTI – CLICCA QUI 

Le Borse Europee possono chiamarsi fuori dall’impatto del Virus? Statistica – 30 gennaio 2020 – ore 10

5 thoughts on “Le Borse Europee possono chiamarsi fuori dall’impatto del Virus? Statistica – 30 gennaio 2020 – ore 10

  • 30 Gennaio 2020 at 14:02
    Permalink

    Stefano buongiorno .Giusto per la precisione ..l’inizio dell”epidemia a quanto la facciamo risalire ? Il 31 dicembre 2019, le autorità sanitarie cinesi hanno notificato un focolaio di casi di polmonite ad eziologia non nota nella città di Wuhan (Provincia dell’ Hubei, Cina). Molti dei casi iniziali hanno riferito un’esposizione al Wuhan’s South China Seafood City market. Il 9 gennaio 2020, il China CDC ha identificato un nuovo coronavirus (2019-nCoV) come causa eziologica di queste patologie. Le autorità sanitarie cinesi hanno inoltre confermato la trasmissione inter-umana del virus. Quindi a dicembre o il 20 Gennaio quando si è conclamato? Cosi contiamo bene i giorni di Borsa ,grazie.

    Reply
  • 31 Gennaio 2020 at 9:46
    Permalink

    Grazie per la risposta…….

    Reply
  • 31 Gennaio 2020 at 14:03
    Permalink

    Questo virus è una palla che più palla non si può… chiunque con un MEZZO cervello lo capisce… è CINQUE VOLTE MENO LETALE della SARS, che pure fece solo 8000 infetti di cui 800 morti… leggermente più contagioso macchissenefrega, la risposta è stata rapidissima e coordinata tra tutti i paesi… tra un mese non ce ne ricorderemo nenche più… le borse sono ipercomprate e troppo tirate, ogni scusa è buona per consolidare un paio di settimane… PROSSIMA PALLA??

    Reply
    • 31 Gennaio 2020 at 14:41
      Permalink

      Luca non ho le tue certezze, non sono esperto (e se anche lo fossi chi è veramente esperto di queste cose?) e non so se è una PALLA o se invece è qualcosa di nuovo (anche il QE lanciato era nuovo prima che lo lanciassero). Puo’ essere che sia una Sars (molti studi dicono un Sars “piu’ pericolosa”) ma a noi interessa l’impatto che questa situazione crea e quanto dura: se l’impatto è breve allora – come riportato nei vari post – gli effetti verranno assorbiti velocemente ed i dip (soprattutto sulla Cina) saranno occasioni di acquisto viceversa se l’impatto anche mediatico oltre che numerico (morti) dovesse prolungarsi avremo degli effetti sui consumi, trasferimenti merci, commerci, etc che rallenteranno la corsa delle locomotive globali. Nessuno ne uscirebbe indenne: dalla Cina agli emergenti all’Europa fino in America (se Starbucks, McDonalds, chiudono ed Amazon rallenta rallenta anche Apple e via discorrendo l’impatto sugli earnings potrebbe essere anche imprevisto e profondo. Non penso ma se fosse allora il risultato sarebbe davvero imprevisto e poco chiaro. Una locomotiva che si ferma richiede tempo per farla ripartire come prima….I mercati sono pronti? la FED ha l’antidoto? in questo caso la risposta è NO per entrambe le situazioni…quindi….pur non avendo nè volendo entrare in discussioni mediche con nessuno ritengo in ogni caso una situazione estremamente delicata. Se invece dovesse essere una PALLA chi ci guadagnerebbe qui? vuoi vedere che sarà la Cina che potrà contare anche su una Banca Centrale che sarà anch’essa pronta ad inondare di liquidità il settore emergenti.

      Reply
  • 3 Febbraio 2020 at 10:03
    Permalink

    Conto i 35 giorni di Borsa da…..

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *